Progetti afferenti all’area Serious Games

KOM CCR

Via al progetto E+ “ER per le industrie culturali e creative”

Il 28-29 giugno 2023 si è tenuta a Mons, Belgio, la prima riunione dei partner del progetto “Escape Rooms for the Cultural and Creative Industries” (ER for CCIs). Questo progetto, seppur di piccole dimensioni, riveste grande importanza per le organizzazioni coinvolte, le quali collaboreranno nei prossimi mesi. Il partenariato è composto da quattro organizzazioni: Fondazione ARTeria dalla Polonia e CEPS dalla Spagna, entrambe esperte nel campo delle industrie culturali e creative, e Logopsycom dal Belgio e Eufemia dall’Italia, esperte nel campo della gamification e nella realizzazione di Escape Rooms nell’ambito dell’educazione.

All’inizio dell’incontro, i partecipanti hanno riflettuto sulle diverse definizioni di Escape Room nei vari Paesi rappresentati nel partenariato. Inoltre, sono stati illustrati i vari tipi di Escape Room, tra cui le Escape Rooms fisiche, le ER online, le Escape Rooms box, i giochi di carte e i giochi di città, spesso erroneamente denominati Escape Rooms.

Le organizzazioni Logopsycom ed Eufemia, in qualità di esperti del settore, hanno presentato esempi di progetti in cui l’idea di Escape Room è stata utilizzata per sviluppare materiali formativi. I partecipanti hanno anche avuto l’opportunità di partecipare a workshop pratici, testando versioni cartacee di diversi giochi di Escape Room e imparando le caratteristiche specifiche di ciascuno. Questa esperienza è stata fondamentale per la creazione di scenari di Escape Room finalizzati all’insegnamento dell’imprenditorialità nelle industrie creative e culturali, come previsto nell’ambito del progetto.

Fondazione ARTeria e CEPS hanno, a loro volta, fornito informazioni sulla realtà delle industrie culturali e creative, concentrandosi sull’importanza dell’aumento delle competenze imprenditoriali dei giovani che desiderano lavorare in questo settore.

Gran parte della riunione è stata dedicata alle questioni di gestione del progetto, alla suddivisione dei compiti e alle responsabilità dei partner. La Fondazione ARTeria, in qualità di capofila del progetto, ha presentato l’intero piano di attività del progetto, oltre a discutere questioni formali e finanziarie. Inoltre, sono state affrontate tematiche riguardanti il logo del progetto, la creazione di un sito web e altre questioni relative alla diffusione delle attività progettuali.

Poiché il progetto è in corso da diversi mesi, i partner hanno esaminato le prime attività svolte nel WP2 e hanno pianificato attentamente le prossime azioni in linea con il calendario stabilito. Poiché gli incontri futuri si svolgeranno online, l’importanza di questo primo incontro di persona per gettare le basi della collaborazione è stata riconosciuta da tutti i partecipanti.

ER CCI è co-finanziato dal Programma Erasmus+ dell’Unione Europea 

ICT4What?

Scarica il dossier

Grazie per aver partecipato a Escape4change!

Con successo abbiamo concluso la nostra partecipazione al Festival Degusté a Grugliasco. Siamo molto felici che tante persone abbiano partecipato a questo evento e  sperimentato la nostra Escape Room sulla crisi climatica. Ringraziamo gli organizzatori e tutti coloro che ci hanno accompagnato in questo meraviglioso incontro. Restate sintonizzati, presto lanceremo nuove attività!

Ecco un racconto di tutte le giornate:

La crisi climatica è già qui

Dati sulla crisi climatica e alcune misure da adottare per affrontarla.

Biossido di carbonio al suo apice

  • La concentrazione di anidride carbonica nella nostra atmosfera, al 2018, è la più alta degli ultimi 3 milioni di anni. 
  • Le emissioni di carbonio derivanti dal consumo di energia stanno aumentando al ritmo più veloce dal 2011.

Gli anni più caldi registrati

  • Il 2016 è stato l’anno più caldo mai registrato: le medie globali sono state di 1 grado C più calde della media della metà del XX secolo. 
  • Diciassette dei 18 anni più caldi si sono verificati dal 2000.

Il livello del mare è in aumento 

  • Il ghiaccio si sta sciogliendo in tutto il mondo, specialmente ai poli della Terra. Questo include i ghiacciai di montagna, le lastre di ghiaccio che coprono l’Antartide occidentale e la Groenlandia, e il ghiaccio marino artico.
  • Questo scioglimento dei ghiacci contribuisce all’innalzamento del livello del mare. 
  • Il livello globale del mare sta aumentando di 3,2 millimetri all’anno, e negli ultimi anni si sta verificando ad un ritmo più veloce.
  • Si prevede che il livello del mare aumenterà tra i 26 e gli 82 centimetri, o anche più in alto, entro la fine del secolo.
  • Si prevede che sarà disponibile meno acqua dolce, dato che i ghiacciai immagazzinano circa tre quarti dell’acqua dolce del mondo.

Il tempo è più estremo

  • I tassi di precipitazioni (pioggia e neve) sono aumentati in tutto il mondo, in media. 
  • Gli uragani e altre tempeste stanno diventando più forti. 
  • Il numero di inondazioni e piogge abbondanti è quadruplicato dal 1980 e raddoppiato dal 2004. 
  • Tuttavia, alcune regioni stanno vivendo una siccità più grave, aumentando il rischio di incendi, perdita di raccolti e carenza di acqua potabile. 
  • Questi eventi sono più che raddoppiati negli ultimi 40 anni. 

Popolazioni a rischio

  • L’11% della popolazione mondiale (800 milioni di persone) è attualmente vulnerabile agli impatti dei cambiamenti climatici.
  • Il governo indonesiano sta pianificando di spostare la sua capitale, Giacarta, perché in alcune aree sta affondando fino a 25 cm all’anno.

Le foreste sono minacciate

  • Quasi 100.000 chilometri quadrati di foresta vengono distrutti ogni anno, rimuovendo un importante ammortizzatore dagli agenti atmosferici estremi e rilasciando anidride carbonica nell’atmosfera.
  • Nel 2018 sono andati persi 120.000 chilometri quadrati di foresta tropicale, l’equivalente di 30 campi da calcio al minuto.
  • L’11% di tutte le emissioni globali di gas serra causate dall’uomo sono causate dalla deforestazione, paragonabili alle emissioni di tutte le auto e camion del pianeta.
  • In Amazzonia, l’1% delle specie arboree sequestrano il 50% del carbonio della regione.

Estinzione della flora e fauna selvatica 

  • L’aumento delle temperature sta influenzando la fauna selvatica e i suoi habitat. 
  • La popolazione selvatica media è scesa del 60% in poco più di 40 anni.
  • Gli ecosistemi stanno cambiando drasticamente: alcune specie come le farfalle, le volpi e le piante alpine si stanno spostando più a nord per sopravvivere; altre, come gli orsi polari, non saranno in grado di adattarsi e potrebbero estinguersi.
  • Allo stesso tempo, altre specie – tra cui zanzare, zecche, meduse e parassiti delle colture – stanno prosperando. 
  • Si prevede la diffusione di alcune malattie, come la malaria trasmessa dalle zanzare.

Cosa possiamo fare?

Esigi soluzioni per il clima

Dobbiamo eleggere un governo che intraprenda azioni coraggiose per ridurre le emissioni, prepararsi al cambiamento climatico e costruire un’economia forte, diversificata, equa e pulita.

Una buona pratica è inviare una lettera a tutti i leader di partito e ai candidati alle prossime elezioni, dicendo loro che il vostro voto dipende da un’azione coraggiosa. Puoi anche chiamare o visitare i tuoi candidati, fare volontariato per un’organizzazione che sostieni e che si batte per ridurre gli effetti della crisi climatica.

Inizia una conversazione sul clima

Anche se la maggior parte di noi ritiene che il cambiamento climatico sia una questione cruciale che deve essere affrontata immediatamente, siamo spesso riluttanti a parlarne, anche con amici e familiari. Le conversazioni sui cambiamenti climatici possono suscitare emozioni difficili. Eppure la situazione attuale richiama sempre più urgentemente un’azione collettiva e non possiamo agire in maniera coordinata senza comunicare in modo efficace. È tempo per tutti noi di avere più conversazioni sul clima. Comincia chiedendo ad una persona che ti è vicina cosa ne pensa o se la sua vita è stata colpita da un evento meteorologico inaspettato. Ascolta i pensieri e le storie degli altri, poi condividi i tuoi.

Usa l’energia con saggezza

Considera la possibilità di apportare alcune o tutte queste piccole modifiche. Insieme, possono davvero fare qualcosa in più.

  • Sostituisci le lampadine classiche con quelle ad alta efficienza energetica
  • Scollega computer, TV e altri dispositivi elettronici quando non li usi
  • Lava i vestiti in acqua fredda o tiepida
  • Cerca l’etichetta Energy Star quando acquisti nuovi elettrodomestici e compra quelli a basso consumo
  • Coibenta la tua casa per evitare la fuoriuscita di calore e cerca di mantenerla fresca in estate senza condizionatore d’aria

Mangia per un pianeta con stabilità climatica

Le decisioni che prendiamo sul cibo possono avere un profondo impatto sull’ambiente. Qui ci sono quattro semplici modi per rendere la nostra dieta più rispettosa del clima.

  • Mangia meno carne, o abolirla gradualmente
  • Acquista biologico e locale
  • Non sprecare il cibo
  • Coltiva i tuoi propri alimenti

Rendi verde il tuo tragitto

I numerosi modi per ridurre le emissioni dei trasporti ti renderanno anche più sano, più felice e ti faranno risparmiare qualche euro. Quando e dove è possibile:

  • Prendi i mezzi pubblici
  • Vai in bicicletta e sostieni la realizzazione di piste ciclabili nella tua comunità
  • Condividi l’auto
  • Passa ad un veicolo elettrico o ibrido
  • Vola meno (se voli, assicurati di compensare le emissioni)

Consuma meno, spreca meno, goditi la vita

Concentrarsi sui piaceri semplici della vita – passare il tempo nella natura, stare con i propri cari, fare la differenza per gli altri – fornisce più scopo, appartenenza e felicità che comprare e consumare. Condivisione, produzione, riparazione, upcycling, riconversione e compostaggio sono tutti buoni punti di partenza. Accendi il tuo impegno nei confronti delle persone e dei luoghi che ami agendo ogni giorno con la consapevolezza che siamo tutt’uno con la natura.

Attivati politicamente

Vota per i leader a tutti i livelli di governo che prendono sul serio il cambiamento climatico. Dovrebbero impegnarsi a fissare obiettivi scientifici per ridurre le emissioni nocive di carbonio, attuare piani chiari per raggiungere tali obiettivi, adattarsi ai cambiamenti climatici e passare a un’economia energetica pulita. Le posizioni dei candidati sui cambiamenti climatici variano notevolmente, quindi fai ricerche, poni domande sui cambiamenti climatici nei municipi o nei dibattiti e fai sapere ai tuoi candidati che voti per il clima. Sii cosciente che il tuo voto è davvero importante.

Referenze:

Speakers Corner Associazione Eufemia Giochi

Speaker’s Corner

Lo strumento è il risultato di un progetto di partenariato strategico KA2 finanziato dal programma Erasmus+ presso l’Agenzia Nazionale croata, realizzato e sviluppato da partner di 8 paesi, a partire dalle specificità territoriali. L’idea nasce dall’esperienza inglese dello Speaker’s Corner di Hyde Park, riletta in chiave educativa e con un percorso di preparazione e di rilettura dell’esperienza in chiave emotiva. L’associazione Eufemia è partner del progetto e responsabile della sperimentazione e della promozione in Italia, della produzione dei materiali in lingua italiana e della loro diffusione sul territorio nazionale.

Speaker’s Corner è un esercizio socio-pedagogico che ha l’obiettivo di incoraggiare l’ascolto attivo, l’inclusione sociale e la partecipazione democratica. Utilizzando i metodi dell’educazione non formale si punta a sviluppare una discussione aperta tra i partecipanti, in un contesto protetto di simulazione che permetta di poter generare una riflessione sulle azioni future.

Prende spunto da:

– gioco di ruolo/simulazione

– apprendimento esperienziale

– analisi e riflessione guidata

Sul portale TOOLBOX si possono trovare tutte le informazioni e il manuale.

L’esercizio, nelle sue versioni, può essere adattato in funzione del gruppo target e degli obiettivi educativi specifici.

I destinatari della versione “tradizionale” dell’attività sono giovani e adulti dagli 8 anni in su (dai 10 ai 60 partecipanti). La versione “dibattito” è più indicata per giovani e adulti dai 13 anni in su (dai 7 ai 26 partecipanti)

Speaker’s Corner è disponibile presso la sede di Eufemia e i nostri educatori sono disponibili per facilitare lo strumento con diversi gruppi, adattandolo a seconda dei temi da trattare, degli obiettivi e delle esigenze espresse.

Questa è la pagina FB dedicata al progetto.