MER network – Marocco

Cerchiamo 1 partecipante per accompagnarci in Marocco a gennaio…volontari?

Prosegue la nostra partecipazione alla rete dei Paesi Euromed. In pochi aggettivi: intensa, challenging, satisfaisant, الثقافات

Il prossimo incontro si terrà a gennaio 2018 a Tangeri. Trovate maggiori informazioni qui.

 

DATE: 13 – 20 Gennaio 2018
LUOGO: Tangeri (Marocco)
PARTECIPANTI: 1 + 1
ETÀ: 18 – 30
QUOTA: 100€
NOTA: necessario passaporto!

[Il progetto è co-finanziato dal programma Erasmus+. Per informazioni sulla nostra policy per selezione e quote, consulta le FAQ]

EVS “In3C” – Italy

Long Term EVS project looking for volunteers from Spain & Latvia

Where?

Turin and surrounding Municipalities, in the North-West of Italy.

Turin is the first capital of Italy and the hosting city of the Winter Olympic Games in 2006…and many other things but you have to come here and to discover by your own.

All the activities will take place in Torino and surrounding Municipalities, but the volunteers will be hosted in Turin, that offers plenty of possibilities for free time and hanging around.

What?

Spend  months fully funded in  Turin and surroundings:

  • urban sustainability
  • involve young people in active citizenship,
  • support young people and families with fewer opportunities
  • support the local community and Youth Centers,
  • support communications/visibility of the projects
  • learn Italian and experience the Italian lifestyle.

Volunteers selected will join the group of current EVS volunteers already hosted Italy from Portugal, Germany, Spain

Find more details here: Long_Summary_Xiferie_EVS_InfoPack_Eufemia

Volunteers will be encouraged to use their creativity and previous experiences in order to suggest and to improve the quality of the project

Working time is estimated in 35 hours per week, on 5 days (weekend free).

Travel, accommodation, food and insurance…everything is covered by the Erasmus+ programme

Who?

We are looking for:

1 volunteer from Spain or from Portugal, aged 18-30, from the 1st of January (12 months)

1 volunteer from Spain, 1 volunteer from Latvia, aged 18-30, from the 1st of April (12 months)

Contacts:

Italian Coordinating/Hosting Organisation: Associazione Eufemia, evs@eufemia.eu

Sending Organization for Latvia:
Ventspils Jauniešu dome – info@jauniesudome.lv

Sending Organization for Spain:

CJCC – Consejo de la Juventud Comarcal de Calahorra – sve@consejojuventudcalahorra.com

 

How to apply?

Send us your CV and the ApplicationForm_EVS_Eufemia_Long  filled in English or Italian at evs@eufemia.eu

Deadline for application: January 2019

 

TC – Refugees reflection – Spagna

DIANOVA è un’organizzazione che sviluppa azioni sociali a supporto delle marginalità. Opera da oltre 30 anni a livello nazionale in Spagna e in Paesi dell’America Latina. Il loro sito merita un’occhiata o due.

Il progetto si propone di intessere una rete di contatti tra operatori che lavorano a vario titolo sul tema delle migrazioni, di fornire loro strumenti utili e replicabili nei contesti di provenienza, di riflettere insieme -infine ed in principio- sulle questioni legate all’afflusso in Europa di decine di migliaia di richiedenti asilo.

dianova


Tutte le informazioni nell’INFOPACK allegato.

Per iscriversi, inviare la scheda motivazionale a youth@eufemia.eu entro il 15 gennaio 2018 (le selezioni potrebbero avvenire prima della data di scadenza).

DATE: 11 – 28 Marzo 2018 refugeesreflection
LUOGO: Ambite (Madrid)
PARTECIPANTI: 2
ETÀ: 18+
QUOTA: 60€

[Il progetto è co-finanziato dal programma Erasmus+. Per informazioni sulla nostra policy per selezione e quote, consulta le FAQ]

TC – Lavoro e democrazia – Atene

Breve storia triste: nel 2010 la Grecia, culla della democrazia, è costretta in ginocchio da una crisi economica senza precedenti.

Ironicamente economia deriva dal greco OIKONOMÌA (oikos+nemo) e sta ad indicare l’amministrazione delle cose domestiche, termine che il popolo greco rivorrebbe indietro immediatamente, con tutti i diritti d’autore e la possibilità di gestire le proprie faccende senza ingerenze esterne.

7 anni dopo -come nella migliore tradizione di specchicoppie Tibet– pare ci siano le condizioni per una svolta, a partire proprio dai due elementi chiave lavoro e democrazia.

Civic plus organizza un corso di formazione con 36! youth workers provenienti da mezzo continente. Un modo intelligente per scambiarsi punti di vista e proposte sull’Europa che stiamo costruendo.

Ti aspettiamo!

logo-civisplus


Tutte le informazioni nell’infopack e timetable allegati.

Per iscriversi, inviare la scheda motivazionale e il codice di condotta a youth@eufemia.eu entro l’8 dicembre 2017 (le selezioni potrebbero avvenire prima della data di scadenza).

DATE: 19 – 26 Febbraio 2018 grecia
LUOGO: Atene (Grecia)
PARTECIPANTI: 3
ETÀ: 18+
QUOTA: 50€

[Il progetto è co-finanziato dal programma Erasmus+. Per informazioni sulla nostra policy per selezione e quote, consulta le FAQ]

Ti piacerebbe ma hai un esame proprio in quelle date? Guarda lo scambio internazionale Democrazia e lavoro: stessa spiaggia, stesso mare, la settimana prima!

YE – Democrazia e lavoro – Atene

Breve storia triste: nel 2010 la Grecia, culla della democrazia, è costretta in ginocchio da una crisi economica senza precedenti.

Ironicamente economia deriva dal greco OIKONOMÌA (oikos+nemo) e sta ad indicare l’amministrazione delle cose domestiche, termine che il popolo greco rivorrebbe indietro immediatamente, con tutti i diritti d’autore e la possibilità di gestire le proprie faccende senza ingerenze esterne.

7 anni dopo -come nella migliore tradizione di specchicoppie Tibet– pare ci siano le condizioni per una svolta, a partire proprio dai due elementi chiave democrazia e lavoro.

Civic plus organizza uno scambio internazionale con 60! giovani provenienti da mezzo continente. Un incontro di culture, ma anche un modo per scoprire se questa Europa sta andando in una direzione che ci piace, o proporre delle alternative.

Vorrete mica perdervelo?

logo-civisplus


Tutte le informazioni nell’infopack allegato.

Per iscriversi, inviare la scheda motivazionale e il codice di condotta a youth@eufemia.eu entro l’8 dicembre 2017 (le selezioni potrebbero avvenire prima della data di scadenza).

DATE: 5 – 13 Febbraio 2018 grecia
LUOGO: Atene (Grecia)
PARTECIPANTI: 4+1
ETÀ: 18 – 30
QUOTA: 80€

[Il progetto è co-finanziato dal programma Erasmus+. Per informazioni sulla nostra policy per selezione e quote, consulta le FAQ]

Ti piacerebbe ma hai un esame proprio in quelle date? Guarda il corso di formazione Lavoro e democrazia: stessa spiaggia, stesso mare, la settimana dopo!

FUGGI! Buoni consigli by Alice

23517622_1749892855021021_8466341330422864042_n

Il 16 ottobre è arrivata, a me come a tutti i frequentanti l’ultimo anno del nostro liceo, una mail dal prof. Titin che ci metteva al corrente della possibilità di partecipare con l’Associazione torinese Eufemia ad uno scambio internazionale Erasmus+, quindi completamente finanziato dall’UE, dal 3 all’11 novembre in Romania o dal 10 al 17 dicembre in Macedonia.

23621596_1749893145020992_3528137263741810242_n

Mi si sono accese due lampadine, immediatamente: Bilbao, location del primo scambio a cui avevo partecipato la scorsa estate e da cui ero tornata stracolma di gioia, e FUGGI, quest’ultima parola come l’espressione di una necessità dettata dalla sensazione di costrizione che provo ormai dopo pochissimo tempo in un luogo troppo conosciuto o nel fare cose che non abbiano un sapore nuovo e fresco, ma terribilmente quotidiano.23621233_1749893148354325_4163316168088067544_n

Ho compilato perciò l’application per Poiana Negrii, in Romania, e dopo quattro giorni ho saputo che ero stata selezionata, insieme a Nassim (5A) e Elisabetta (5B); saremmo partiti  14 giorni dopo con un group leader scelto dall’Associazione, a cui devo moltissimo per come è andata questa esperienza, e altri  quattro ragazzi provenienti da diverse zone d’Italia.

Quante cose sono cambiate per me da quando sono partita per lo scambio precedente lo sanno le persone che mi vivono ogni giorno, che hanno partecipato al mio ritorno da quello, alla mia partenza per Londra e al mio rientro, a quest’ultima partenza.
Partivo infatti quel 20 di Luglio 2016 con la paura fortissima di non farcela, di aver dato troppa fiducia ad un corpo che sentivo di avere ancora fragilissimo, ad un’anima ancora impreparata a spiccare sola il volo; e benché fossi tornata con la consapevolezza di esserci riuscita, di aver scommesso su me stessa e aver vinto, sentivo di mancare ancora di qualcosa per poter raccogliere a piene mani i frutti di quell’esperienza.23559500_1749893001687673_3245931771785394614_n
Questa volta c’è stata più consapevolezza nel momento della scelta, più preparazione come individuo, più certezze nelle mie capacità, nell’appoggio che avrei ricevuto da amici e sconosciuti. Meno paure, più voglia di lanciarmi nel vuoto e magari anche di cadere, di sbucciarmi le ginocchia e rialzarmi dolorante, stringendo però la mano di chissà chi.

23472396_1749893265020980_6023383213235963077_nHo messo il cuore in ogni attività, dalla più banale a quella più impegnativa; in ogni sguardo gettato tra gli altri alla ricerca di uno che lo cogliesse e ricambiasse, per sentire sotto pelle quella sensazione impagabile di non essere sola; in ogni sorriso che ho rivolto a volti altrettanto sorridenti quanto a quelli più corrucciati; in ogni buongiorno pronunciato in lingue diverse dalla mia e in ogni buonanotte senza voce, che era un abbraccio alle 5 di mattina sulle scale del rifugio che ci ospitava.23517779_1749893168354323_9076163008792822812_n
Sono cresciuta moltissimo, me ne accorgevo giorno dopo giorno, mentre il mio inglese tutt’ora impreciso si faceva più chiaro, meno esitante; quando ad un volto truce rispondevo con parole gentili e  un sorriso, cercando di capire; quando con calma limavo i miei spigoli più ingombranti per poter abbracciare idee diverse, opinioni che certo non condividevo ma potevo accettare; quando invece con forza sostenevo le mie, di idee, senza la paura di doverne accettare le conseguenze. Ho conosciuto persone splendide, stretto nodi fortissimi tra i fili mia esistenza e quelli di quelle altrui.23621226_1749892945021012_3554459203348616625_n

Ho visto paesaggi mozzafiato, visitato una cittadina molto caratteristica, registrato un film, prodotto moltissimo materiale sul tema, partecipato a discussioni edificanti e molto interessanti, scoperto cose, condiviso esperienze, vissuto altre vite attraverso i racconti di chi, effettivamente, le aveva vissute.

E non vedo l’ora di prendere il prossimo volo.

Alice Ruffa

ArticoloIlMioErasmus_Alice

Articolo apparso sul settimanale “Il Biellese” il 17/11/2017

Formaggi bulgari e ukulele a Budapest – tutto un altro genere di storie d’amore

LA LOCATION!

Lo scambio si è svolto ad Holloko, piccolo paesino ad un’ora e mezza da Budapest.

È molto caratteristico e tra le vie si incontrano diversi negozietti in cui si possono comprare diverse manifatture, piccole birrerie in cui assaporare una buona birra ed una deliziosa panetteria dove abbiamo potuto assaggiare diverse specialità dolci e salate.

Abbiamo dormito in una grande casa a tre piani. Il primo piano è stato adibito a refettorio, il secondo piano alle attività della giornata e come luogo comune nei momenti di relax/svago durante le pause e nelle serate internazionali, mentre nel terzo si trovano le stanze da letto, tutte con un bagno privato e generalmente ospitavano 4-5 persone.

Il posto è molto suggestivo e rilassante in mezzo alle colline ungheresi, dove si respira aria buona e la sera si vedono miriadi di stelle.

23167836_1739664662710507_840104379419121417_n

LE ATTIVITÀ!

Dopo aver rotto il ghiaccio, avendo dedicato qualche momento e qualche gioco alla conoscenza tra i vari partecipanti al progetto, le attività proposte dalle organizzatrici si sono incentrate principalmente sui valori dell’uguaglianza di genere e sulle varie differenze che esistono nel mondo LBGTQ+, essendo questi i temi del progetto.

La metodologia applicata è stata quella dell’educazione non formale, quindi i vari argomenti sono stati toccati attraverso role games, team building activities, giochi ed energizers.

Abbiamo discusso sugli stereotipi di genere, avendo l’occasione di presentare come viene visto nel nostro Paese il ruolo dell’uomo e della donna, e quali spunti di riflessione ci dà la rappresentazione mediatica di tali “ruoli” nelle nostre televisioni e nelle nostre pubblicità.

L’evento clou è stata la preparazione, e la conseguente rappresentazione, di un flashmob in centro a Budapest!

23316445_1739664559377184_4099640330573779201_nIL FLASH-MOB! Simona esprime il suo pensiero riguardante il flash-mob di Budapest:

“Non so voi, ma per me è stata la prima volta, e, come credo sia normale, inizialmente l’idea mi intimoriva, ma poi, devo ammetterlo, si è rivelata molto divertente. Grazie all’esperienza degli altri partecipanti, il continuo fluire di idee, gli incoraggiamenti ed apprezzamenti hanno permesso a questo progetto di prendere una forma inaspettata.

Abbiamo sviluppato il “nostro progetto” dall’inizio fino alla fine. L’idea centrale della manifestazione, il modo di sviluppare il progetto e poi la messa in atto finale è stato tutto lavoro del gruppo al 100%.

Siamo stati così in grado di fare un Flashmob in una delle piazze centrali della capitale ungherese utilizzando solo un ukulele, le nostre voci, la nostra fantasia e una videocamera come supporto tecnico.

Pur senza materiale professionale, ma con la semplice fantasia e la grande arte dell’arrangiarsi abbiamo dato forma a un progetto che inizialmente sembrava esser fatto di sole idee e chiacchiere.

Inizialmente le persone sembravano non capire che cosa stesse succedendo. In effetti vedersi un gruppo di circa  40 ragazzi vestiti tutti uguali che si agitano per la piazza inizialmente può essere confusionario, ma poi chi si è fermato ad osservare il progetto complessivo, che ha avuto una durata di circa 3,30 minuti, ha apprezzato lo spettacolo e diverse persone ci hanno filmato 😉

Il messaggio principale era molto semplice: “All of us are human and it doesn’t matter differences of sex orientation or the person you love, the only thing that counts is the freedom and the happiness that we can share”

E tutto questo con una sola giornata di preparazione 😉

23172715_1739664252710548_8746155380962286008_n

LE GITE! Durante lo scambio abbiamo avuto l’occasione di fare due escursioni. La prima è stata al castello di Hollókö, a dieci minuti a piedi dal centro del paese. Le rovine delle fortezza risalgono al 1200 e la leggenda racconta che: “Un giorno, tanto tempo fa, un potente lord rapì una graziosa fanciulla, rinchiudendola nel suo castello. La tata di quest’ultima, una temibile strega pronta a tutto per recuperare la sua figlioccia, decise di riparare all’oltraggio facendo un patto con il diavolo. Una notte, gli aiutanti del diavolo, sotto le sembianze di corvi, rubarono tutte le pietre del castello del potente lord e le portarono in cima alla collina, iniziando così la costruzione del castello di Hollókő,( pietra del corvo ).”

23131654_1739665112710462_434693968018676215_nLa seconda è stata a Budapest, la capitale dell’Ungheria, chiamata anche la “Parigi dell’est” per il suo straordinario fascino, l’attuale città nasce dall’unione di Buda e Pest, città vecchia e città nuova, separate dal Danubio ma unite da una miriade di ponti.

Siamo arrivati a Budapest il sabato mattina e dopo aver fatto il nostro fantastico flashmob abbiamo iniziato a girovagare per le vie della città, avevamo tre missioni da svolgere durante la nostra giornata di svago e cultura:

  1. Fotografare almeno 5 manifesti pubblicitari che rappresentassero la parità e   non-parità di genere, al fine di farne una riflessione e un’analisi durante le ultime attività
  2. Fare un selfie al castello di Buda
  3. Intervistare almeno 3 persone ponendo loro alcune domande sul tema del “gender equality”

Intorno all’ora di pranzo ha iniziato a piovere e quale miglior riparo di una calda e accogliente trattoria ungherese? Ci siamo scaldati con un buon gulasch e viziati con dei dolci tipici il tutto condito da convivialità e nuovi amici.

E’ stata una giornata super, tra attività, passeggiate e cultura, riflettendo e confrontandoci sulla tematica dello scambio.

23167862_1739664832710490_8707097156359005988_nLE SERATE INTERNAZIONALI! Michela ci racconta qualche aneddoto delle serate internazionali:

“L’animazione della sera era lasciata a noi partecipanti. Ogni sera un team diverso presentava il proprio Paese, le sue tradizioni e la sua cultura attraverso quiz, giochi, balli e buon cibo tipico.

In questo particolare scambio, essendo 7 i paesi coinvolti, per ottimizzare al meglio il nostro tempo, le serate internazionali erano organizzate in modo da avere ogni sera la presentazione di due Paesi. Ad esempio noi italiani abbiamo animato la “nostra” serata insieme al team bulgaro. Quasi d’obbligo per noi è stata la scelta di far cantare “Volare” di Domenico Modugno agli altri partecipanti, che sorprendentemente la conoscevano! I Bulgari ci hanno fatto invece ballare al ritmo di un ballo tradizionale.

23032704_1739664729377167_4978962754112053704_nDevo ammettere che è stato strano all’inizio essere “sballottata” tra le culture di due paesi diversi tra loro ogni sera, ma in realtà penso che ci abbia permesso di confrontarci con una cultura diversa dalla nostra in modo veramente efficace. Ad esempio, vedere due tavoli imbanditi di cibo totalmente diverso l’uno accanto all’altro, con gusti totalmente diversi fra loro rende davvero particolare l’idea della diversità e unicità dei paesi europei. Chi l’avrebbe mai detto che il formaggio bulgaro fosse così buono?”

TC – Glocal youth – Portugal

2018 Cascais Capitale Europea dei Giovani!

Preferita a Perugia, la città portoghese ci invita a prendere parte alle manifestazioni ed ai progetti che la vedranno al centro dei programmi europei per i prossimi 12 mesi.

Qui trovate alcune delle iniziative a calendario: Capital Juventude

Inaugura l’anno l’associazione Rota Jovem, con un percorso in tre fasi:

  • corso di formazione
  • SVE (uno degli ultimi a quanto pare)
  • seminario conclusivo

Cerchiamo partecipanti per il training, che avranno diritto di prelazione se volessero partecipare anche alle altre mobilità.

cascais_portogallo_eufemia_scambi


Tutte le informazioni nell’infopack allegato.

Per iscriversi, inviare la scheda motivazionale a youth@eufemia.eu entro il 14 dicembre 2017 (le selezioni potrebbero avvenire prima della data di scadenza).

DATE: 20 – 28 Gennaio 2018cascais18
LUOGO: Cascais (Portogallo)
PARTECIPANTI: 2
ETÀ: 18+
QUOTA: 60€

[Il progetto è co-finanziato dal programma Erasmus+. Per informazioni sulla nostra policy per selezione e quote, consulta le FAQ]